CRISI MONDIALE, SI VEDE MA NON SI DICE, PER ASSURDO.

BO.  24. 8. 16
                                             SPECIE UMANA = SPECIE NEUTRALE
In vendita presso Ubik ,  Bo. Euro 3.

CRISI MONDIALE, SI VEDE MA NON SI DICE, PER ASSURDO.

La crisi mondiale non sono le guerre in atto, esse rappresentano il risultato del mancato sviluppo scientifico e tecnico, di conseguenza sociale e culturale del pianeta.
Le guerre sono il frutto delle contraddizioni insanabili dovute all'ignoranza delle Leggi della Natura, che ha portato alla cultura dell'autodistruzione con le bombe atomiche ed all'opposto ad una cultura dello sviluppo infinito di carattere ideologico e religioso, con gravi danni di crescita della popolazione a dismisura in certe zone..
L'osservazione dello storico è come quella dell'astronomo, non può intervenire sui fatti ed oggetti, perchè distanti nel tempo.
L'assurdo vuole che lo storico debba osservare gli osservatori, con criteri e strumenti culturali più ampi e profondi per e tecniche usate, rispetto al passato, come la psicoanalisi, la psicologia, le teorie economiche,  le tecniche di produzione, inoltre le capacità logiche inferenti ed interattive pongono lo storico di fronte alle teorie scientifiche per analizzarle dal punto di vista logico linguistico coerente con la realtà.
Allora si scopre che è impossibile dissociare per postulato o assioma, la velocità della luce, come azione di una sorgente, dalla sorgente stessa, come fa Einstein, per creare un dogma di assoluta relatività, per divisione impossibile o assurda, che non può mai diventare un postulato.
La scienza ha oltrepassato il confine ed il ruolo dello scienziato, così come la Meccanica quantistica, priva di unità di misura coerenti si autoproclama giudice dei confini della natura, come fa Heisenberg.
Queste scelte culturali fanno da sfondo ad una manipolazione tecnica della realtà che si sviluppa in modo tumultuoso ad opera di un ristretto numero di persone che si formano e creano un ruolo sociale che prima non esisteva: lo scienziato come figura progettuale e previsionale, ma fino ad ora con pochi risultati,  ed anche negativi nel medio, lungo periodo.
In realtà si assiste al plagio di tre diverse discipline, la " Fisica" come tecnica, la matematica e l'astronomia, che rimangono prigioniere di sè stesse, o delle loro scoperte.
Lo scienziato diventa un ruolo sociale per il controllo ed il governo della società, ed in particolare con il controllo del sapere da parte delle cultura ideologiche o ideali, con una avidità strumentale tale da confondere  e manipolare la cultura, le informazioni di base in modo incoerente, per mantenere un sapere pregiudiziale che in parte apre le porte al pregiudizio, per cui abbiamo due guerre mondiali, promosse dall'integralismo fanatico e mono-culturale politico e religioso.
Le manipolazioni sono dirette ad inficiare lo sviluppo delle persone, creando ostacoli e contraddizioni irrisolvibili per le quali si rimane prigionieri del passato.
Questa è l'epoca storica più difficile per la conoscenza della Natura e delle sue Leggi, ma, esse sono indispensabili per il governo delle civiltà del pianeta e del loro sviluppo, perche la conoscenza delle Leggi consente un comportamento autoregolato indispensabile, come per il traffico o trasporti, via aria, mare, terra.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.