REFERENDUM ABROGATIVO E GOVERNO IDEOLOGICO.

Bo. 3. 4. 16
Pubblicato Kindle prezzo Euro 1,99.

REFERENDUM ABROGATIVO E GOVERNO IDEOLOGICO.

Il referendum del 17 aprile è una farsa consultiva, la quale diventa possibile sopra ogni cosa che sia stata approvata per " Decreto Legge", come provvedimento d'urgenza, limitato e contraddittorio,senza alcuna limitazione dell'uso del referendum.
In Francia, l'istituto del referendum viene usato solo per materie Istituzionali sul sistema politico e per verificare la sua corretta e coerente funzione.
Se lo facessero in Italia nessuna forza politica attuale sarebbe sorretta dall'approvazione di un sistema politico che consente facilmente la truffa, i decreti Legge d'urgenza sono una forma di corruzione, ed i privilegi sono di fatto il pregiudizio contro lo Stato di Dovere/Diritto verso i cittadini/e, stesso tema delle organizzazione politiche composte solo su base ideologica FAZIOSA contro la Democrazia.
Il Referendum è uno specchietto per deviare l'attenzione dal  mal Governo incoerente del Paese, che propone un Colpo di Stato gerarchico, con l'abrogazione elettiva del Senato; inutile alla risoluzione dei problemi dello sviluppo tecnico e sociale del Paese Italia, nella sua autonomia legittima ed indipendenza da altri Stati non appartenenti all'Europa.
Il Referendum dovrebbe essere abrogativo della Costituzione del 1946-48, perchè non ha mai rispettato i Principi Democratici delle Costituzioni vigenti ed universali, che solo pochi paesi  usano correttamente.
Il Primo Principio è la proporzionalità diretta e scalare delle tasse, posto un limite assoluto massimo del 32 %; del possesso della ricchezza per settore di Mercato, quota molto alta.
Il Secondo principio è la divisione dei Poteri, Legislativo, Esecutivo e Giudiziario, controllati da una Giunta Costituzionale di varia composizione.
In Italia la truffa Costituzionale è stata la parificazione ed eguaglianza di poteri della Camera e del Senato, quando in tutti i paesi Democratici, una Camera propone e l'altra Legifera dopo i dovuti controlli di coerenza Costituzionale.
IL Italia il pretesto dell'urgenza è stato usato per mistificare e stravolgere la Democrazia sociale uscita dalla seconda guerra Mondiale; dovuta al peggiorare delle condizioni di vita e di miseria, con l'uso del plagio di ideologie totalizzanti.
La funzione delle ideologie, all'apparenza democratiche, hanno favorito la corruzione delle Leggi e dei Principi della Democrazia, così come contro il lavoro razionale a vantaggio delle ambizioni irrazionali ed ottuse di pochi monopoli, interessi contrari al paese ed al suo sviluppo.
Oggi parlano di crescita, priva di obiettivi politici che non siano quelli della disfatta della Democrazia, complici i falsi laici come Bersani e D'Alema, gerarchi  buonisti degli addetti al mito ideologico della sinistra,la quale è un falso ideologico, che indica le azioni irrazionali contrarie all'ideologia dominante: il clericalismo di cui Grillo è il buffone: ovvero Grillo blaterante... dedito alla farsa.....che non è una burla, ma un inganno per gli italiani.
Nessun Governo è legittimato a governare se non rinuncia alla coerenza, per allearsi con i nemici, come ha fatto Renzi con Berlusconi,  mentre Grillo che faceva la mimica opposizione al connubio perverso delle due facce del clero, il cosiddetto popolo e il monopolio della ricchezza/ povera, anche quella  delle informazioni televisive.
Che dire di un referendum sprecato per un piccolo problema, inutile quanto dannoso, che sperpera risorse per l'incapacità di governare a causa delle truffe istituzionali delle ideologie politiche al governo; che mistificano la realtà come metodo per plagiare la popolazione, con l'uso delle televisione perbeniste dove tutto va sempre bene e si ride sempre per ogni piccola cosa inutile.
Il referendum ci porta alla risacca dell'immobilismo, con le macchinazioni tortuose per aumentare le Tasse di cui nessuno parla, dopo l'effetto Expo, i nodi vengono al pettine e le informazioni italiane parlano sempre male dell'Europa, dei singoli Stati.
Chissà perché, gli ultimi e screditati fautori dell'unità Europea, i clericali italiani ed il loro seguito, privi di ogni coerenza Democratica e competenza, siano quelli che vogliono far entrare tutti i clandestini senza regole nell'Europa.( Lo dice solo il Papa Argentino, nel periodo peggiore) ????
Dopo,... tutti avranno bisogno dell'aiuto dei Cristiani di Roma????? I Preti in nero, i vescovi in Rosso ed il Papa bianco con le chiese sporche dei soldi trafugati all'Italia, con uno Stato religioso che non ha diritto di essere tale in una Repubblica Democratica.
La religione deve tornare ad essere sociale e svolgere solo la sua funzione personale e non collettiva politica, ma ideale, esterna in quanto tale alla amministrazione della società.
Qualora entri in Politica, come nella scienza, è dimostrato sia incapace di produrre lo sviluppo, perchè diretta da idealisti che non conoscono la realtà o la rifiutano a priori o per pregiudizio.
Le Religione deve rimanere confinata nelle sue competenze, lo spirito  umano e non oltre;
la politica appartiene al Lavoro ed alle sue regole amministrative; che oggi, hanno ancora problemi irrisolti, ed il clericalismo risulta un ostacolo ulteriore allo sviluppo della società.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.