IL PARADIGMA DELLA DEMOCRAZIA: IL PIANETA.

Bo. 28. 9. 15


Amazon Kindle prezzo  E. 1,99

IL PARADIGMA DELLA DEMOCRAZIA: IL PIANETA.

Il principio della democrazia è l'autogoverno della società umana sulla base di Leggi eguali per tutti, che hanno Limite massimo e minimo, in economia come nelle relazioni  sociali,equivalenti alle Leggi della natura di ogni oggetti animato ed inanimato.

Le Leggi della natura sono le regole della vita per la sopravvivenza nelle condizioni massime di beneficio per la specie umana come specie netrale.

I Principi fondamentali delle Leggi sono 5; associati  due a due:


1) Eguaglianza e Libertà.
2)  Proporzionalità e Giustizia.
3) Limite minimo e massimo.
4) La conoscenza per tutti dei Principi e Leggi di base.
5) L'interazione vincolata dal lavoro tra diretti e delegati.

Esiste comunque una CONDIZIONE INDISPENSABILE DI SOPRAVVIVENZA:


Il sistema natura deve essere mantenuto nello stato di equilibrio naturale, preservando nella sua integrità la natura a garanzia della sopravvivenza della specie umana e di tutte le specie.

Il Principio della natura è lo STATO DI EQUILIBRIO  tra le strutture, solida, liquida e gassosa.
Il Principio di tutte le cose o stati naturali, compreso lo stato biologico, è:
 L'EQUILIBRIO DELLE ENERGIE.
 La prima Legge di natura è la PROPORZIONALITA' EQUILIBRATA,
 ( F = m . a), e la  CONSAPEVOLEZZA DELLE PROPRIETA' E CARATTERISTICHE DELLA NATURA.

LA NATURA si fonda sul principio di EQUILIBRIO delle ENERGIE.

L'EQUILIBRIO ha natura  come azione costante e variabile simultaneamente, dipendente da fattori esterni ed interni.
I Pianeti dipendono dalla Stella-Sole.
Nel caso della specie umana l'equilibrio dipende dall'autocontrollo della crescita numerica possibile nel rispetto dei Principi  e Leggi della natura.
Il Principio della Democrazia è finalizzato al massimo sviluppo di tutti con il minimo delle regole o Leggi, sulla base della delega del Lavoro per la collettività come principio e fine, nel suo insieme, per  evitare di essere condizionati e  plagiati da altri interessi minori e contrari alle consapevoli esigenze di tutti.
Le consapevoli esigenze non sono le accumulazioni di quantità di beni disponibili inutilizzate, ma la cura delle risorse rinnovabili, tra le quali anche l'energia.

La Democrazia è sistema di autogoverno consapevole   degli abitanti di un territorio omogeneo per cultura nella diversità: l'Europa è questo territorio, con formazioni linguistiche diverse, ricche per le loro proprietà di linguaggio.

La matrice indiscussa Europea è la scienza e le fondamenta storiche delle Democrazie, Greco-Romana, nelle sue variegate estensioni. 
Chi nega questa realtà, nega una parte della propria esperienza e costume di vita, rinnega sè stesso, negando la matrice Europea, che non appartiene, in primo luogo, alla cultura Religiosa di qualsiasi tipo è cultura naturale dell'esperienza.
I governi clericali  Italiani del dopoguerra, con incapacità a governare per principio di lesa Democrazia,  in 70 anni hanno cambiato 70 governi, l'assurdità negativa, che nega sé stessa come matrice dei disastri italiani, con collusioni mafiose, ora si erge a maestra di crescita.
 L'idiozia imperante delle parole metaforiche, Riforme Costituzionali sono sempre Decreti fuorilegge, l'illusione o immagine proiettata nelle menti per mezzo della televisione, che fa apparire possibile anche un colpo di Stato chiamato come Riforma, l'annullamento del Senato, sulla base dell'ignoranza plagiata  dell'informazione.
La Democrazia è una forma di organizzazione sociale superiore alla gerarchia, fondata sulla conoscenza delle Leggi o regole eguali per tutti sulla base del principio, che chi infrange le regole paga il suo debito alla società, dal momento che le regole sono definite dagli abitanti, tutti per mezzo di un referendum consultivo.
Ovviamente la Democrazia deve avere Limiti, si vota ad iniziare da 18 anni e si termina ad 75.
Ora e sempre. Xma--Legio --Italiana Democratica d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.