Renzi: ogni giorno un proclama.

Bo. 7-6-14
Renzi: ogni giorno un proclama.

La modalità politica della rottamazione del vecchio, solo a parole e tante, diventa per Renzi  la dichiarazione  apologetica a favore di quello che si dovrebbe fare, ma non si esprime  contro, sarebbe la critica, che però non esercita.
Se fosse vero che la capacità critica è il sale dell'intelligenza allora per i nostri politici il voto sarebbe solo una bocciatura.
Ma le capacità di Renzi si svolgono in un continuo andirivieni di proposte, senza mai fuoriuscire dai canoni della politica tradizionale usata dalla Democrazia Cristiana per 65 anni; le riforme proposte dai dirigenti politici.
La contraddizione è che questo parlamento è illegittimo, come lo sono le Leggi ed i Decreti Legge anticostituzionali della legge o sistema elettorale.
Questa non è una critica, è la presa d'atto dell'incostituzionalità di una situazione che deve essere risolta.
Le possibili risoluzioni sono due: o si procede con il metodo dirigistico, gerarchico e burocratico stile  vecchia DC, come fa Renzi, oppure si apre una stagione di Rinnovamento Democratico fondato sulle consultazioni degli abitanti, uomini e donne, per mezzo di assemblee costituenti democratiche.

Grillo, con la sua rete, declina la responsabilità, salvo rivendicarla quando si tratta di urlare allo scandalo, il cui fine è sostituirsi nel ruolo se prima non cambia la Costituzione e le Leggi, in senso Democratico.
La Costituente Democratica apre di fatto alla partecipazione di tutte le associazioni, civili, economiche e di volontariato, ed anche a quella nobiltà estromessa bruscamente nel 1946, sempreché la nobiltà dimostri di essere regina nei propositi e di fatto, verso la Democrazia Repubblicana.
Renzi è restauratore che rottama la classe dirigente del PCI italiana, trasformata per camaleontismo, come la DC del resto.
Nessuno di loro ha mai definito la fine della via Cristiana alla Democrazia e la via Democratica al socialismo, per poter discutere l'affermazione della Democrazia come sistema e metodo di governo ed autogoverno consapevole.
Renzi finirà per rottamare anche sé stesso, per la falsità metodologica con la quale procede, dice e disdice nel metodo, proclama ed agisce senza criterio razionale, solo per comparire di fronte agli abitanti, donne ed uomini , per dichiarare con enfasi le sue proposte senza mai indicare il metodo con il quale procedere.
Se lui ci mette la Faccia ,senza razionalità coerente nel metodo , pretende che gli Italiani ci mettano la fiducia, per simpatia, forse, ma non sempre, se i conti non sono corretti, e di quelli Renzi non parla volentieri con la sua faccia.
A forza di metterci solo la faccia sta già diventando antipatico, senza neanche un metodo corretto democraticamente, la consultazione di tutti i cittadini /e, sul sistema elettorale come sul sistema politico.
Ora e sempre ...X..- Legio ..--Italica ..--d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.