Furilegge : Legge ,il Principio e la fine del berlusconismo e del cattolicesimo.

Bo. 30.10.13

Fuorilegge : Legge , il Principio e la fine del berlusconismo e del cattolicesimo.

In nome del sistema Capitalistico,che garantisce a tutti le Libertà civile di libera espressione e nei fatti della libera iniziativa è stata la bandiera dei cattolici Cristiani per 70 anni,a partire dal referendum Repubblica democratica o monarchia.
Hanno vinto i cattolici moderati,la chiesa come cultura,che è l'antitesi della democrazia  o della repubblica,in linea di principio culturale.
Lo schema superficiale che descrive la vittoria di un fronte popolare,sopratutto di sinistra è sbagliato e falso,vincono i moderati clericali,fedeli alla chiesa per la loro grande capacità di rapportarsi alle masse per mezzo della confessione e della liturgia.
Legittimo o meno,la storia è nei fatti inconfutabile,ed i fatti sono in questo caso i numeri di aggregazione del consenso organizzativo.
Le parrochie da un lato i clandestini dall'altro,facile contare.
Quindi l'Italia è diretta da 70 anni da criteri e principi che non sono né Repubblicani,né Democratici,ma solo Cattolici.
Il Principio del perdono non esiste in democrazia.
il Principio di superiorità dei politici,non esiste in democrazia.
Il Principio di stabilità,come continuità delle cariche vita natural durante,non esiste in Democrazia.
Il Principio del privilegio ,non esiste in democrazia.
Il Principio di superiorità della fede ,non esiste in Democrazia perchè pregiudiziale.
Il Principio dei monopoli non esiste in Democrazia;l'Italia aveva quasi tutti monopoli economici.
Il Principio di fedeltà all'organizzazione non esiste in Democrazia.
I Principi della Democrazia,di proporzionalità e di libera scelta dei deputati,viene enfatizzato fino alla vanificazione,con quantità eccessive.
Il Principio del controllo superiore non appartiene alla Democrazia.
Il controllo è esercitato dagli eletti.
La Gerarchia non è criterio democratico per la selezione del personale.
Berlusconi ha interpretato in modo originale e con disfattismo delle ideologie,comunista,socialista e liberale,la sua strategia culturalmente cristiana,per trasposizione.
Berlusconi è il massimo interprete laico del cristianesimo in Politica,nel sistema politico,a prescindere dalla Storia dell'Europa con due rivoluzioni scientifiche e tre rivoluzioni industriali,Berlusconi le ha ignorate nei loro principi e metodi,le ha rifiutate in blocco,ignorate,come se non esistessero,neppure il loro prodotto,come Mediaset di sua proprietà è riuscito a farlo uscire da un delirio di onnipotenza senza Leggi.
La Politica,come Dottrina politica del cristianesimo nella società ha prodotto questo disastro del Sistema Politico,senza Leggi universali,proporzionalmente corrette,ma fondata sul libero arbitrio personale,che la chiesa perdona tutto.
Altrimenti Berlusconi sarebbe già stato allontanato o si sarebbe dimesso.
Lo avrebbero dovuto fare anche gli ex Comunisti,ritirarsi,ma la corruzione Democristiana,o cristiana,ha oltrepassato ogni soglia lecita senza leggi oggettive.
Ciò che rende forte una Legge è la sua oggettività materiale = eguale per tutti,i suoi avversari culturali sono le ideologie,che rifiutano l'oggettività delle cose,come gli idealismi,come la nuova teoria scientifica della Relatività,il cui unico difetto è quello di porre al centro,come valore assoluto,la specie umana con la sua razionalità,compiendo un atto di presunzione pregiudiziale,forse necessario quanto sbagliato.
Berlusconi di fronte all'Europa è deficiente = mancante della cultura razionale laica europea delle rivoluzioni scientifiche per mezzo delle quali siamo progrediti fino a questo punto,oltre il quale la Religione lo vieta,ma non solo anche i seguaci del modello Standard,scienziati di vario genere dogmatici e pregiudiziali.
La situazione di Berlusconi è oltremodo assurda per l'Europa,ma non per il clero ed i moderati italiani,cristiani fino alla punta dei capelli con il loro pregiudizio sul Figlio ,così forte,tanto da fargli dimentice le Leggi del Padre;i cristiani Italiani sono quindi irriverenti ed arroganti perchè non conoscono il limite del ruolo del figlio stesso nella religione,dimenticando il Padre.
Questi non sono uomini,hanno troppa poca fede nel padre e troppa nel figlio che è marginale e secondario.
Filosoficamente il Padre è Onnipotente,il Figlio "rescuscita",una semplice differenza senza prove.
La Chiesa Cristiana dopo oltre mille anni ha conquistato l'Italia,prima dei Nobili,oggi per mezzo del socialismo e comunismo,si è affermata la Chiesa,ovvero una religione come forma di governo la cui irrazionalità ha portato alla corruzione endemica e patogena nella società italiana,ma non Italica,la cultura ha gli strumenti per ricomporre la divisione artificiale e ripristinare le competenze necessarie come le Leggi ed I Principi.
Ora e sempre . - X Legio . - Italica.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.