Bonus lavoro = governo cretinus.

Bo . 26.6.13



Bonus lavoro = governo cretinus.

L'incentivo all'occupazione pare cosa fatta,come l'IMU da pagare,ma non lo dicono a chiare lettere  e l'IVA tra qualche mese.
Vince lo Status quo,sembra che in Italia non esista il moto dei venti,l'immobilismo della politica stagnante produce danni ingenti come le false operazioni degli anni passati ;sembra anche che non vi siano state le elezioni politiche pochi mesi fà con impegni pubblicamente assunti da tutti.
La normalità o normalismo della politica,condotta da Letta con apparente saggezza,lascia i paesi Europei sorpresi della condotta Italiana.
L'elettorato italiano deve essere drogato per non vedere ciò che accade in politica e sopratutto nel parlamento,al punto tale che Grillo ignora i problemi per aggredire i giornalisti,complici e vessatori dell'opposizione,anche quando non esiste.
In questo paese manca l'opposizione Democratica,il centralismo Repubblicano,fatto oggi delle grandi organizzazioni politiche,tra le quali il movimento 5S,sulla base del principio che governano le organizzazioni più forti ,manipolano la visione o l'immagine della realtà come dei conti,senza cambiare una virgola delle leggi attuali,anzi peggiorandole pensando di salvarsi.
La difesa personale del leader del PdL avviene ad opera di seguaci fedeli ,nullafacenti,per tale motivi si autodefiniscono " Puttane" nella coscienza o nell'anima che dir si voglia.
Berlusconi imperterrito sale a parlare con il Primo Ministro del governo per decidere cosa fare: assurdo ma vero in Europa : Letta ha perso ogni credibilità è diventato fantoccio Berlusconiano come Monti.inaccettabile un colloquio ufficiale del Governo con un ex politico pluriprocessato e riconosciuto colpevole in alcuni casi.
Il PD ora si deve interrogare se è diventata l'organizzazione paravento di Berlusconi,prima era solo una finta opposizione ora si è passati ad una sudditanza servile,con la pietosa richiesta sindacale.
Pare che in Italia si sia smarrita la razionalità e la ragione di Stato,esiste oggi la ragione personalistica ed organizzativa fagocitata da interessi miopi ed intransigenti nella dimensione,ma che fagocitano ogni possibilità di sviluppo economico per mezzo del controllo sulle banche private italiane.
Berlusconi diventa lo "strozzino" dell'Italia e degli italiani/e come figura che controlla parte consistente della valuta monetaria,ma non ha alcuna idea di come spenderla.
Esiste però una lezione di economia dei mercati:la legge della domanda e dell'offerta,la cui varietà è la fonte dello sviluppo.
Ora; se Berlusconi nega questa semplice e profonda realtà mondiale è fuori mercato Europeo e Globale.
Berlusconi con le sue tare culturali è diventato non la personalità che voleva salvare l'Italia da dirigenti comunisti,diventati suoi finti oppositori,anche per il sostegno ricevuto dagli ambienti integralisti della chiesa,ma colui la cui arretratezza culturale ed economica,porta il paese Italia alla rovina per inadempienze ed incapacità a fare in 20 anni delle opere pubbliche necessarie allo sviluppo.
Berlusconi non è così intelligente come appare,ma paragonato all'opposizione italiana è certamente il più intelligente,perchè gli altri non fanno il loro mestiere di politici,cosa fanno ,lo lascio decidere alla popolazione Italiana.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.