TRUMP: U.S.A. , L'EUROPA, IL PIANETA.

Bo. 14.11. 2016
                                          SPECIE UMANA  =  SPECIE NEUTRALE
In vendita presso Ubik, via Irnerio Bologna Euro 3.

TRUMP: U.S.A. , L'EUROPA, IL PIANETA.

L'elezione di Trump rimane una scelta determinata dalle grandi oligarche industriali in difesa del territorio Americano, che "sente" minacciata la sua libertà di azione, ed anche per il fatto che le oligarchie non sanno dare risposte razionali alla crisi mondiale dell'economia e delle società locali, quindi anche dell'America o Stati Uniti.
Il fatto fondamentale è che tutte le società sono arrivate al limite per la sopravvivenza, con l'aumento incontrollato delle nascite, ovvero la crescita demografica sproporzionata.
L'effetto di questo aumento demografico è chiaro: l'emigrazione forzata verso i paesi più ricchi; la storia si ripete da millenni, come insegna la grande muraglia cinese a protezione dalle invasioni, o il vallo di Adriano.
Ciò equivale ad ammettere che il sistema culturale e scientifico è inappropriato quanto un sistema che non sia affettivamente democratico secondo regole di base eguali per tutti.
In questo caso la Storia viaggia a ritmi lenti secolari e millenari, ma ecco la sconvolgente novità.
Una sola guerra nucleare può cancellare dal pianeta la natura vegetale ed animale presente oggi.
Perchè di questa capacità autodistruttiva, che le società censurano, dobbiamo prendere atto come di una devianza infantile della specie umana, affascinata dal potere di controllo sulla natura e della propria specie solo per mezzo della forza,esercitata per millenni sulle popolazioni più deboli,quelle limitrofe e lontane.
Cosa impossibile per la specie umana, che la mia generazione ha nel sangue, è il rifiuto  della propria estinzione come rivolta globale allo stato della cultura scientifica, ovvero la fissione o il modello standard.
Cosa risaputa nel passato contro l'autoritarismo, privo di competenza, di qualsiasi cultura o politica, ovvero il principio dell'autorità, reciproca ed elementare della diversità di idee razionali e coerenti, paradossalmente sembra matematica, ma in effetti lo è anche se non lo sappiamo perchè nessuno lo insegna.
Ma oggi abbiamo il nuovo presidente, come si descrive una persona così controversa.
Trump, non ama nessun paese diverso dal suo, e questo lo classifica come egocentrico, nei pensieri e nei fini,mentre la crisi è globale, ed i primi protagonisti di essa sono Europa ed U.S.A., con Canada ed Australia.
Non vi sono mezze misure, il diritto alla difesa del proprio territorio è considerato, ed è, a tutti gli effetti,un diritto "sacro", come lo è per la Cina o la Russia in particolare.
A maggior ragione le regole per il commercio ed in primo luogo per una produzione non artificiosa è il dovere di ogni paese, anche per gli U.S.A.
Il possesso dell'artificiosa potenza di fissione nucleare, ed il modello scientifico che l'ha generato "Standard", ha creato dei mostri della scienza, con artifici dannosi per la salute di tutti, come gli OGM,nel medio periodo,ed ha snaturato il ciclo della vita naturale, una specie vegetale, quasi superiore per pregiudizio, idea nata in Europa che si ripropone in altre vesti tecniche.
Lo storico ha il pregio dell'onestà della memoria dei fatti e della loro evoluzione, nulla di più.
Ma la disciplina storica impegna  all'uso di termini corretti e coerenti delle descrizioni della realtà, sia sociale che naturale.
Quindi se si osserva la funzione specifica della scienza con l'uso dei termini tecnici definiti,non quindi con aggettivi come accade ora nella sua base, perchè  la cosa è una falsificazione della realtà, operata dalla gerarchia scientifica, che seleziona e censura ogni idea diversa anche se coerente, come è stato fatto per  Newton con la teoria della Gravitazione, che non è la prima forza dell'Universo, ma questo solo per egocentrismo e presunzione del ruolo del Pianeta Terra per la nostra specie....
Trump ha di fronte uno scenario complicato e difficile, fondato sulle diverse culture, molte primitive ed antidemocratiche, come primitiva rimane una Democrazia che non fissa i limiti assoluti del potere personale  degli eletti, dove non esiste un capo supremo, ma una Legge suprema, il diritto alla libertà di vivere secondo le Leggi della natura,di cui oggi si conosce solo una, il principio di minima azione applicato alle specie animali, a cui la specie umana non appartiene, come non appartiene alla natura divina in senso diretto, né indiretto.
Le Leggi della natura sono principalmente in base 4 e di esse ne conosciamo solo una.
Le Leggi della Natura sono le Leggi dell'azione a distanza delle particelle elementari, equivalenti a tutte le specie animali, vegetali e materiali.
Le Leggi della natura hanno limite minimo e Massimo, ed oltre non vi sono sconti per nessuno e non esiste nessuna possibilità per nessuna specie.
Quindi, che lo vogliate o no, per vivere su questo pianeta meraviglioso, tra tutti gli altri,
dobbiamo conoscere tutti le Leggi principali, o di base, della Natura alle quali attenerci, per sopravvivere e vivere.
Le deduzioni sono chiare visto il deperimento delle risorse naturali e la crisi dei modelli di produzione che devastano la natura......direbbe Shakespeare  " vivere o morire" una libertà inconsapevole è istintiva  ed inconsapevole delle conseguenze, per la natura delle conoscenze limitate, ampliare ed approfondire secondo i principi matematici, di non contraddizione ed innovare con il principio di "tertium est datur" is Neutral.




Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.