La Repubblica corrotta: Italia.

Bo. 6. 12. 14
La Repubblica corrotta: Italia.

Non vi sono dubbi: la Repubblica Italiana è corrotta per Legge.
La domanda che nessuno vuole porsi è perchè siamo arrivati a questa situazione disastrosa, per la quale diventa necessario sospendere una normale prassi per avviare una consultazione nazionale o assemblee costituenti.
Il criterio che le decisioni reali non avvengono in Parlamento, ma fuori di esso, alle cene ed altro, significa che la burocrazia non ha alcun peso, come non hanno più legittimità le Leggi di base, ma esistono solo i Decreti d'urgenza, o di Legge per metafora.
Il Decreto d'urgenza è la dissoluzione delle Leggi di base, con l'attribuzione dell'immunità parlamentare, le modalità delle diarie illegittime ed i rimborsi illegittimi, i privilegi del pensionamento a due anni, illegittimi.
Chi entra nel girone paludoso delle "infimità" politiche rimane preso,anche i giornalisti, per non tapparsi naso e bocca danno l'idea della legittimità della politica, anzi della "stabilità" politica, come se, la truffa per Decreto sia Legittima per governare un paese.
Il colmo dell'idiozia irrazionale; fare finta che in casa nostra,l'Italia, vada tutto bene e mentire, come se gli altri non conoscono la matematica reale dei numeri.
La stabilità è il cretinismo delle parole senza senso compiuto e dimostrato, come fa Renzi, istituendo commissioni senza cambiare una Legge, cosa che è facilmente tollerata dai M5S ormai assuefatti e stabili in parlamento, come soprammobili che danno lustro alla stabilità.
La classe imprenditoriale governata dalla Confindustria controllata da Berlusconi sembra ammalata di cecità e sordità, non sentono e non vedono i disastri del nostro paese di cui sono solo in parte i protagonisti e condizionati dalla cultura del Decreto illegale.
In effetti dura da quasi 70 anni il procedere per decreti illegittimi, con la scusa dell'urgenza, come se i deputati avessero voltato le spalle al paese, e si voltano solo a vedere quando sono già accadute le tragedie, in ritardo.
Quale Repubblica è quella Italiana.
La Repubblica Italiana è DOGMATICA = ASSURDA NELLE FORMULAZIONI DEI PRINCIPI, ESAMINATI UNO PER VOLTA, SENZA ALCUNA ASSOCIAZIONE CON LA REALTA'.
La Repubblica Italiana, accetta sul proprio territorio uno Stato assoluto antidemocratico  per eccellenza in quanto religioso, come potere temporale assoluto, con presunzione si ritiene sopra tutti gli altri poteri.
La Democrazia italiana, usata e non rispettata, ne costituisce il paravento.
La Repubblica clericale, ovvero i fedeli religiosi organizzati come forza politica autonoma, è subentrata alla nobiltà ed al fascismo, complici il comunismo e socialismo come ideologie subalterne e dipendenti anch'esse da un dogma sociale politico limitato ad una classe sociale, così come il liberalismo.
Tutte le ideologie hanno usato per i propri limitati fini la Democrazia  stravolgendola ed affermando una Repubblica dei poteri assoluti con i monopoli di Stato e privati tuttora esistenti,
Il potere assoluto di questi poteri ideologici è all'origine del sistema dei Decreti della corruzione dell'intero sistema politico sovradimensionato per diventare strumento di controllo della popolazione, così come le televisioni delle informazioni deformate e stravolte nel loro significato perchè continuamente scomposte e ridotte ai minimi termini, come la vicenda di Roma, che segue quella dell'Emilia Romagna ed altre ancora, compresa l'indagine sopra Renzi.
La Repubblica italiana è un sistema isolato illegittimo per l'Europa, come il parlamento Europeo nella sua dimensione ciclopica.
L'Italia risulta non solo arretrata ma pregiudizialmente incapace di risolvere democraticamente per consultazione degli abitanti la ridefinizione dei Principi Costituzionali, che ad oggi non sono democratici perchè dogmatici, ed i più strenui difensori sono coloro che si autodefiniscono laici, ma in realtà sono solo degli ideologi del laicismo, ovvero ignoranti opportunisti.
Ora e sempre--X--Legio--Italiana-Democratica..d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.