Democrazia Italiana e la religione dello Stato del Vaticano.

Bo. 27. 11. 14
Democrazia italiana e la religione dello Stato del Vaticano.

Tutte le società e civiltà del passato non sono mai state a direzione religiosa; il fenomeno della ambizione delle religioni monoteistiche è un passato recente ed attuale.
La matrice delle due religioni più estese ed organizzate socialmente sono monoteistiche, il Cristianesimo ed il Maomettanesimo, entrambe direttamente derivate della religione Ebraica, per la sua cultura famigliare.
La situazione Italiana è paradossale in quanto le organizzazioni clericali sono diventate dirigenti di un sistema sociale italiano solo se lo Stato della Chiesa confermava gli obiettivi civili e democratici.
L'esistenza dello Stato del Vaticano, come potere religioso assoluto e superiore ad altri poteri materiali ed etici, impone che le classi dirigenti clericali o moderate, sappiano conciliare o, nel caso estremo, manipolare la Democrazia italiana per mantenere il primato del potere religioso sopra quello laico razionale della Democrazia.
Il risultato è chiaro a tutti: oggi la Democrazia è soffocata dalla corruzione fatta sistema di Decreti d'urgenza per giustificare le contraddizioni incoerenti, alla base dei quali stanno i pregiudizi della religione politica.
Il dualismo italiano si caratterizza come lo scontro tra la politica democratica e la politica religiosa, dove la seconda è sempre vincente se non intervengono i referendum abrogativi, quindi la volontà popolare per negazione degli errori del clericalismo moderato.
Dopo tante rotture decise da tutti i referendum democratici, siamo di fronte ad una svolta necessaria al paese, una svolta laica, il confronto sulla Costituzione, che per la lingua italiana, oggettivamente intesa nella logica e nella sintassi è una Costituzione dogmatica per il suo formalismo assolutista.
Questo è l'unico caso in Europa, di astrazione dal conteso sociale e politico, ma sopra tutto culturale e scientifico, in quanto tre rivoluzioni del pensiero scientifico hanno segnato la storia delle civiltà mondiali.
La Chiesa di Stato cristiana e romana che ha rifiutato lo sviluppo scientifico del 600 e dell'800, ha posto la sua attenzione sulla scienza come strumento tecnico per governare, ma essendo incompetenti, hanno rilevato solo dati non completi.
Il governo della Chiesa di Roma sull'Italia si realizza dal 1946, sconfiggendo la Monarchia Sabauda ed il Comunismo.
Quando avviene la caduta del comunismo non vi sono più giustificazioni per mantenere uno Stato laico, accentratore assoluto delle principali attività economiche della società.
La Democrazia non ha mai avuto dei diretti protagonisti legittimi, come gli imprenditori di vari settori, dall'agroindustria alle industrie di elettrodomestici e moda, oggi, gli attuali fautori sono ex comunisti ed ex democristiani riciclati per opportunismo, quindi per apparenza.
Essi hanno mantenuto in modo spregiudicato le pratiche politiche clericali, sulla base del pregiudizio che il popolo deve essere guidato, anche a sua insaputa, piuttosto che essere responsabile per le Leggi Costituzionali.
Il rifiuto di un voto corrotto e vano ha legittimato l'astensione come ultima ed unica forma di protesta legittima e silenziosa contro la corruzione di Legge, o Legge della Corruzione fondata sul pregiudizio dei privilegi e non delle leggi del Lavoro.
Le leggi o regole del lavoro non possono rimanere prigioniere di una visione ideologica falsa, sia comunista che liberale, per le quali solo una delle due classi ha diritto al governo per principio pregiudiziale, creando una contrapposizione  diretta, falsata dall'ideologia.
Coma si vede  l'obiettivo Democrazia si lega con la coesione degli abitanti dell'Italia, solo ora uniti dopo 1 secolo e mezzo, da un ceto imprenditoriale ancora in parte condizionato dalla cultura religiosa dei pregiudizi contro la Democrazia.
Le assemblee costituenti possono essere la fase di avvio di una rinnovata Costituzione di stampo Europe, come pure la contabilità .
Ora e sempre--X--Legio ..Italiana--d'Europa-

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.