Scalfari : Papa Francesco ed il peccato.

Bo. 5.1.14

Scalfari : Papa Francesco ed il peccato.

Eugenio Scalfari non soffre di senilità,ma di allucinazione o di eccitazione culturale per la quale diventa veggente della sfera di cristallo alla quale rivolge una domanda : come può un Papa eliminare il peccato?
Possiamo chiedercelo tutti,ma il peccato originale il papa non ha l'autorità per cancellarlo e se lo facesse,primo sarebbe improprio e secondo dovrebbe fondare una nuova religione di redenti senza peccato,una nuova cultura dopo i circa 5000 anni di religione monoteista che si fonda sul peccato originale della specie umana rispetto a Dio che l'ha creata.
La religione cristiana cattolica,che con il termine di Pontefice "massimo" fa dell'autorità del papa una autorità assoluta ed indiscutibile di origine divina è stata abbattuta dal precedente Papa Ratzinger,il quale  a discapito del mandato "divino" si è dimesso per andare in pensione,come una persona normale..
Ciò ha fatto crollare un mito tutto italiano del Papato finchè morte non sopravvenga;come diritto divino.
Ora secondo Scalfari si vuole abolire il peccato,che equivale a dire di abolire per effetto di concausa,la confessione,la penitenza ed il perdono.
Direi proprio che Scalfari ha le traveggole,perchè : perdonare tutto non significa abolire il peccato anzi significa estenderlo anche a settori della vita civile che prima non erano toccati come i reati per lo sviluppo che hanno devastato l'ambiente naturale,anche i trans diventano inglobati nella sfera religiosa del cristianesimo,diventa la religione della relatività della specie umana.
Oggi il Papa perdona gratuitamente come una offerta di pace tra aspre polemiche sulla trasformazione dei trans,ma domani sappiamo che la chiesa è interessata  a riscuotere con il perdono anche la penitenza ovvero l'obolo di pacificazione spesso e volentieri.
La pacificazione ottenuta con la penitenza anche pecuniaria è stata all'origine della secessione  e della riforma Luterana,Calvinista ed Anglicana.
Il perdono o pacificazione era divenuto principalmente un fatto pecuniario.
Scalfari stravolge la realtà,la inverte per fare del proselitismo per il Papa ovvero Pontefice "massimo " di Roma ,termine usato anche da Ottaviano per primo per divinizzare la stirpe dei Cesari e Cesare stesso.
Scalfari con la Repubblica sono complici del papa e della sua restaurazione del potere morale della Chiesa sopra ogni altra autorità,anche quella dello Stato Italiano e della cultura mondiale,sia essa di costume che scientifica.
Scalfari ha perso il lume della ragione e della razionalità laica dell'esperienza fatta di numeri e di parole equivalenti tra loro.
L'Italia con quel simbolo della croce innalzato sopra tutto e tutti ; perderà ogni cosa : a meno che non venga ripristinata la X Legio Italica d'Europa ,che per chi conosce la storia italiana, significa ripristinare una razionalità privilegiata ed eguale per tutti come legge mondiale.
La Repubblica con Scalfari  riafferma la subalternità di un comportamento culturale, tipico italiano del clericalismo, quello di seguire a ruota la gerarchia come atto di fiducia,anche se irrazionale per la società italiana.
Ora e sempre . - X - Legio - Italica d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.