Legge di stabilità : pasticcio per la stabilità..

Bo. 8.1.14

Legge di stabilità : pasticcio di stabilità.

Oltre ogni ragionevole dubbio in Italia accade che non vi è più la consapevolezza delle proposte di economia politica adeguate a fronteggiare la crisi,il governo non solo è in crisi,ma è nel caos,incapace di dirigere rispondendo solo alla matematica dei fatti della crisi.
Ogni gruppo politico vuole salvaguardare solo i propri addetti incompetenti per la maggior parte,al di sopra degli interessi della popolazione in generale.
Non possiamo farci illusione sulle incoerenze metodiche e falsamente coperte dell'era Berlusconi-Prodi,due facce del moderatismo clericale che antepone il pregiudizio dei propri valori personalistici e distorti all'interesse del paese-Nazione.
Le incoerenze lasciano aperte diverse possibilità,la peggiore delle quali è l'incuria e la pregiudiziale negazione della realtà.
L'uso spregiudicato ed antidemocratico dei Modelli,siano essi elettorali che politici ha lo scopo di mantenere ben saldo al potere il primato religioso come forma di governo,la cui faccia laica è il monopolio economico dei Berlusconi ed ,Agnelli.
Lo Stato civile è quindi schiacciato dalle tasse e controllato da parassiti politici incompetenti per il loro numero esorbitante.
Lo Stato Italiano che deve autogovernarsi e governare la popolazione è diventato la sede di organizzazioni politiche che fanno solo proposte  illusorie,generiche e fumose,che annebbiano la mente anche di chi le fa,cioè dei politici.
Conclusione nessuno è in grado di vedere la realtà per quello che è anche al di fuori dei nostri confini.
La Legge elettorale diventa la leva per mezzo della quale risollevarsi se e solo se essa contiene principi e leggi coerenti anche con innovazioni culturali forti delle esperienze scientifiche e tecniche.
La parola usata come "Stabilità" si presta ad una comparazione semplice:stabilità = immobile = stagnante,non vi poteva essere peggiore scelta politica quando le organizzazioni incapaci e mal dirette si vanno sciogliendo per mancanza di obiettivi che non siano l'interesse personale del singolo.
 Nulla di importante,dopo aver fatto un numero imprecisato di elezioni che non sono servite a nulla ci possiamo anche fermare per fare un referendum Costituzionale sui principi Democratici e Repubblicani,sulla base dei quali definire sia il Sistema Elettorale che il Sistema Politico,insieme ,perché il sistema repubblicano presente oggi si è dimostrato incapace con il suo moderatismo dei poteri assoluti.
Il dogmatismo morale è diventato l'immagine apparente  dietro la quale vive la corruzione sistematica dei poteri proprio perché il moralismo è solo personale e perdonabile dalla suprema autorità della Chiesa,e del Pontefice Massimo,il Papa.
Lo Stato Italiano manca di una autorità oggettiva al di sopra di tutte le parti,anche della Magistratura,manca cioè di quelle leggi eguali per tutti formulate nel linguaggio comune,perché così è la legge della natura,scientifica e culturale sulla base delle quali si sono sviluppate le società più avanzate dell'Europa.
Ora e sempre . - X - Legio - Italica d'Europa. -

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.