Legge di Stabilità . = conservazione.

BO. 26. 12.13

Legge di Stabilità : = conservazione.

La Legge di stabilità nasce come esigenza di affrontare i problemi urgenti quotidiani,quindi un'intervento indirizzato alla situazione di crisi straordinaria,come la legge elettorale che ,quasi tutti gli Italiani ,non vincolati alle organizzazioni politiche attuali ritenevano ingiusta ed incapace.
La Legge di Stabilità è equivalente alla semplice manovra di Bilancio annuale con la quale si devono chiudere i conti di bilancio dello stato Italiano,che la UE,ha definito insufficiente se alla base non vi sono riforme strutturali.
L'idea di riforme strutturali non viene enunciata neppure per principio,nella legge di Stabilità,ed inoltre,se la destra contrattacca quell'Europa Democratica che vorrebbe aiutarci,la sinistra fa orecchie di mercante,non ci vuole sentire.
L'obbligo di fare la Riforma del sistema elettorale è una vera disdetta per i moderati clericali,che continuano a pensare che sono necessari piccoli passi,ma così piccoli che non li vede nessuno.
Letta è quel moderatismo refrattario alle novità,che invece di reagire sbraitando ,le ignora,ecco l'altra faccia del moderatismo clericale al quale è vincolato il PD come forza politica controllata dal moderatismo clericale.
Il moderatismo clericale ha quindi due diverse caratteristiche,quella più repulsiava ed intransigente nella difesa dei suoi interessi,rappresentata da Berlusconi,prima con il "Popolo della Libertà",ai quali della Libertà non fregava assolutamente nulla,e l'altra versione è quella di Prodi e Letta che vogliono redimere gli ex comunisti indirizzandoli verso la Democrazia moderata del clericalismo conservatore Italiano,che li ha fatti partecipare alla suddivisione della torta con Berlusconi per questi ultimi 20 anni.
Grillo si presenta come il fautore dell'elemosina politica di Stato a fronte della crisi economica,con l'autoriduzione degli stipendi del suo Movimento 5S che però approfitta delle diarie per rientrare con le spese,con le cene extra,come in emilia Romagna.
Il moderatismo clericale è quel sistema che nega,con urla e manifestazioni provocatorie,mentre l'altro aspetto è il rifiuto della realtà,come fa ora Letta che pensa che non esistano i rischi  finchè non arrivano a casa sua,la miopia del protezionismo.
Quindi, questa legge di Stabilità è solo conservatrice, e per non dire esattamente come stanno le cose,il governo in carica rifiuta di considerarle reali,o rifiuta la loro esistenza,come la necessità di riforme antifasciste ed assolutamente Democratiche.
Nessuna delle formazioni politiche italiane attuali ha la benchè minima idea del significato di Democrazia,come sistema Politico fondato sull'eguaglianza delle Leggi identica per tutti e sulla Libertà limitata come condizione eguale per tutti.
Queste forze politiche non hanno convinto gli Italiani/e e si comprende perchè con il 50 % di astensioni circa nelle ultime elezioni amministrative.
Esistono le soluzioni ,ma siccome il moderatismo clericale,religioso,prima la DC si è scomposto in due fazioni per controllare lo Stato Italiano rimasto nella sua base economica,e non solo, come Stato Gerarchico fascista, che ideologicamente deve rispondere ad un potere superiore ed assoluto ,Lo Stato Pontificio,come autorità morale indiscutibile.
La societa civile italiana è progredita e molte Leggi vessatorie e pregiudiziali sono state cambiate,ma ora si deve cambiare il sistema gerarchico politico con una riforma Costituzionale e Politica che consenta alla popolazione Italiana di autogovernarsi consapevolmente,nei limiti delle necessità,cosa che la gerarchia rifiuta apriori  e pregiudizialmente ,considerando il popolo stesso manipolabile strumentalmente e quindi incapace,come avviene ora per il 45 % della popolazione alla quale non viene detto ed insegnato per Dovere e Diritto cosa sia la Democrazia,perchè il moderatismo lo ritiene inutile o dannoso.
Ora e sempre . - X - Legio - Italica d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.