Framcesco,papa,Scalfari: peccato e perdono.

Bo. 29.12.13
Francesco,papa,Scalfari: peccato e perdono.

La  religione del Gesù Cristo nasce nella Roma Imperiale ,tra gli schiavi;i quali sono interdetti ai loro culti,la maggioranza.
Tra la gente povera e ridotta in schiavitù esiste l'esigenza di un riconoscersi tra loro,che i culti ufficiali non consentono alla loro condizione.La religione nasce come strumento di riconoscimento di una condizione di emarginazione,si dice oggi,nella quale si viene condannati.
I culti religiosi ufficiali sono il riconoscimento e la celebrazione delle classi dirigenti di Roma Imperiale.
Oggi in Italia il culto Cristiano cattolico romano ha la stessa funzione.
La Chiesa Istituzionale ,come Chiesa dello Stato Pontificio,con potere temporale,non religioso ,quindi è il riconoscimento dopo 1500 anni circa del potere religioso del Cristianesimo sopra Roma e sopra l'Italia;cosa mai verificata prima d'ora,per mezzo della Democrazia Cristiana come strumento politico di Governo e dopo,in modo poliedrico del moderatismo clericale ,interpretato con diverse facce dalle organizzazioni ,nelle quali si  è dissolta l'ex DC,con Berlusconi paladino dei moderati monopoli economici.
Ora le vicissitudini e gli scandali Italiani,un primato mondiale della globalità per le truffe ed il millantato credito,come i Decreti Legge,quasi tutti Incostituzionali e sicuramente antidemocratici,che sono divenuti il metodo di Governo di tutti.
In queste inestricabili difficoltà,la Chiesa,come Istituzione politica,si rinnova con Papi non più Italiani,prefigurando una dimensione mondiale della cultura religiosa,ma mantenendo invariato lo Status di Religione di Stato Pontificio,quindi con ruolo politico economico dirette e supremo,come forma di governo assoluta dei religiosi sopra,una ristretta area del suolo di Roma.
Il popolo Italiano ha vissuto 700 anni da conquistatore e 1500 anni da conquistato,il prezzo è pagato,per tanta ambizione verso il dominio degli altri popoli.
Ora la Religione degli schiavi di Roma è stata lo strumento che ha conservato e diffuso la cultura imperiale Romana,non senza difetti dogmatici ,durante il lungo periodo delle sconfitte e del disfacimento dell'impero Romano.
La Religione Cristiana è diventata l'organizzazione  più influente e forte della società Italiana dopo l'Impero.
La radice della Cristianità è il peccato originale prima ed il peccato in generale secondo le regole della Santa Romana Chiesa,che diventa giudice ed arbitro della condotta ,o comportamento dei cittadini,i quali per il perdono devono ravvedersi.
Il perdono diventa il punto di rottura della pratica religiosa che origina il Calvinismo,il Luteranesimo e la Chiesa Anglicana.
Il perdono è lo strumento con il quale la Chiesa Romana governa la società,per mezzo della pratica della confessione come rapporto privilegiato e superiore a tutte le Leggi civili e razionali della Repubblica
Ancora oggi la Confessione è pratica tutelata sopra tutte le Leggi della Repubblica Democratica ,in Italia.
Quindi questo è il meccanismo principale di organizzazione clandestina ,ancora oggi,rispetto alle leggi della democrazia che sono considerate dalla Religione inferiori e subalterne all'autorità morale della Chiesa,come Stato Pontificio di Roma.
Scalfari è cascato come una pera matura dall'albero della sapienza,quando pensa che abolire il peccato,virualmente possa significare abolire la confessione  e conseguentemente il perdono.
Sarebbe come dire che questo governo di Letta -Alfano fa le riforme democratiche del Sistema politico e Costituzionale,perchè ha fatto una legge di Stabilità,che altro non è che un bilancio preventivo economico conservatore.
Forse è ora che certe persone vadano in Pensione ed i loro schemi deviati rispetto alla Democrazia del Paese,che non è un disconoscimento alla loro azione di critica,ma al loro limite di mancanza di proposte razionalmente convincenti per superare una crisi Globale.
Ora e sempre .- X - Legio - Italica d'Europa.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.