Italia :stabilità ed immobilità.

Bo. 25.9.13

Italia : stabilità ed immobilità.

Se in Europa si chiede quale dei paesi fondatori è il più ambiguo e doppio,la Merkel fa la figura della scolaretta pulita e linda che svolge i suoi compiti con il massimo della cura: e sono compiti doppi,interni ed esterni,economici e politici,solo in Italia si arriva a parlare di un compito unico,come se fossero o deficitari oppure onnipotenti.
Tutta la realtà è doppia o duplice,come sosteneva Orazio nel De Rerum natura,oggi lo vediamo ma non razionalizziamo con logica.
Solo i giornalisti italiani si perdono in chiacchere personali a non finire,quando i Politici di altri Paesi Europei,tali di nome e di fatto ,come professionisti che svolgono un lavoro per la Comunità che è doppia,Europea come insieme di Stati e per il proprio stato.
Lo fanno tutti in modo coerente per le regole date,tranne l'Italia che è ammalata di Romanità,non della sana e libera civiltà,ma di quella Imperiale che nella sua caduta affidò al simbolo religioso del cattolicesimo,o Religione cattolica,investita di un ruolo formale di autorità di preservare quanto possibile della decadenza Imperiale.
Il motivo era chiaro ed è chiaro,quando si parla oggi delle religioni lo si deve fare a livello planetario e non locale,quindi il confronto diventa obbligatorio,non tra i religiosi,ma nella cultura dialettica della Democrazia,cioè della rappresentazione degli interessi delle classi sociali,tra le quali l'Italia annovera la classe ecclesiastica,come organizzazione sociale con compiti specifici di consenso nella società verso i governanti sulla base della gerarchia di organizzazione sociale,non oggettiva quindi ma funzionale e ristretta.
Il paradosso Italiano è fondato sulla doppiezza del significato delle cose = menzogna;quando si parla di stabilità e non si assolvono a compiti fondamentali e primari della società italiana,come le riforme,parlare di stabilità è una doppiezza iniqua; funzionale ad un governo privo del consenso e della capacità di dirigere il Paese.
Non vi sono dubbi sull'incapacità della classe politica Italiana attuale di essere incompetente,sul piano economico e giuridico,per i quali è necessaria la formulazione di nuove funzioni principali per lo sviluppo.
La doppiezza della tedesca Merkel è un complimento fatto da coloro che mentono nel momento che attribuiscono a quell'aggettivo un senso negativo,se rivolgessero lo sguardo alla situazione Italiana dovrebbero inorridire per il caos della politica irrazionale e gerarchizzata,il cui primato personale sovrasta ogni razionalità collettiva della comunità.
il Papa consapevole dell'incapacità,creata dalle stesse regole morali della Chiesa; si propone come tuttofare dell'ospedale,dalla veste umile ma dall'intonaco prezioso;predicando il sostegno alla povertà di ogni tipo tranne quella religiosa,come mancanza di educazione della modernità scientifica.
Il sistema informativo Italiano,Rai in testa ,come monopolio pubblico che si contrappone al monopolio privato deve essere smaltellato immediatamente e svenduto alla libera concorrenza,alla libertà di espressione e confronto ,impostato con diversi criteri che in Italia manca da oltre 20 anni con la discesa di Berlusconi che ha stavolto tutte le regole civili della Convivenza democratica,fondata sul pregiudizio verso la Democrazia stessa.
La malattia italiana è la gerarchia,come forma di potere senza professionalità,ma ereditata o acquisita per favori,o per moderatismo come rifiuto alla razionalità della scienza e della tecnica con le sue regole oggettive.
La malattia italiana è la doppiezza tra morale ed etica,dove la morale consente la contraddizione ,mentre l'etica esige la coerenza.
Con la contraddizione le persone si devono confessare con l'etica le persone devono lavorare.
L'Italia è quindi il paese delle doppiezze congenite nella forma del Potere come = Gerarchia ,che disprezza e rifiuta le regole o leggi eguali per tutti,da ciò la nascita dei Decreti .
La politica è quindi l'affermazione di un pensiero gerarchico senza razionalità collettiva che lavora per un fine comune.
La stabilità Italiana,non esiste è solo un termine privato del suo significato,ma crea l'illusione ,di Mussoliniana memoria,che i problemi vengano affrontati.
In effetti Mussolini  inizialmente li ha affrontati,ma Berlusconi è 20 anni che non li affronta.
Il governo delle larghe intese è una definizione insignificante nella realtà,dove la realtà è quella di tirare i remi in barca per vedere ciò che accade esternamente all'Italia,senza fare nulla.
L'Italia è logorata dal potere inutile ed incapace,di frasi banali e vuote,frasi senza la democraticità del fare,senza la razionalità dell'azione perspicace nel risolvere problemi.
Inoltre la trappola del Movimento 5S di Grillo ha funzionato per breve tempo,bloccando in una  situazione di stallo le istituzioni che non sono più democratiche ma gerarchiche .
Ora e sempre . - X Legio - Italica.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.