La libertà personale privata è condannata.

Bo. 25.6.13




La libertà personale privata è condannata.

La sentenza non lascia dubbi sulle regole da rispettare per tutti i cittadini sul piano personale.
Lo dice la legge comune,tutto semplice,tranne il fatto che le vittime si innamorano dell'amore coercitivo e seduttivo,come passare dallo stato di povertà allo stato di ricchezza nell'arco di due o tre giorni.
Lo schok è forte ,e non si può negare che tutti i prigionieri sarebbero disposti a dire il falso,non avendo altri mezzi, sapendo di poter diventare ricchi per mezzo dei propri ammaliatori o rapitori psicologici.una volta che si scopre il gioco d'azzardo,falso e spregiudicato.
In parole povere la sindrome di dipendenza vale anche per i reati dei minori.
L'assurdità della vicenda,è commentata sul piano internazionale in molti modi,nessuno dei quali di assoluzione per i responsabili ed in particolare per il primo Ministro di un paese.
In realtà questo primo Ministro non si è mai occupato del suo paese se non in estremis quando era troppo tardi.
Proprio così ,il Berlusconi arriva sempre dopo gli scandali della protezione civile,delle truffe,e continua a perseguire la libertà di espressione adducendo come crimine il fatto che possano esistere idee ed opinioni diverse che non possono essere contrastate.
Equivale a dire che la libertà non può e non deve esistere se contrasta con le idee dei più ricchi....fenomenale logica illogica,Berlusconi vuole fare a meno della libertà di opinione,della libertà di mercato e di qualche altra libertà a seconda di come si alza la mattina;adesso è toccata alla libertà dei Blog.
Se vi sono due versioni,per Berlusconi una è vera ed una è falsa,quindi una delle due va riscritta.
Uomo semplice questo,non ha mai pensato che tutte e due possono essere false o vere solo in parte.
L'abilità è quella di manovrare rapidamente per confondere le idee ed i fatti ,ma ciò è possibile solo nel proprio paese,oltre confine quest'uomo appare una figuretta da palcoscenico con i guitti che si agitano quando cade in errore per coprirlo della sua dabbenaggine senile,nulla di grave in fondo se li paga lui.
I guitti sono però pagati dai cittadini Italiani che attendono risposte a quei problemi urgenti dei quali si parla da mesi,anni,possiamo dire qualche secolo,da Galileo Galilei.
Il PD rimane arroccato su posizioni di reazionario conservatorismo,vuole aumentare le tasse senza dichiararlo,detta così  Berlusconi con le sue manovre ;togli l'IMU,alza l'IVA.appara un buon trafficone che non viene mai a capo dei conti pibblici.
Per forza nessuno vuole la riforma elettorale,e men che meno la riforma del sistema politico,da 20 anni la responsabilità e sempre e solo di Berlusconi all'apparenza,Prodi tenta di defilarsi a gran velocità,una vera manica di cial.......
Nessuno stà lavorando seriamente alle leggi ed i principi Costituzionali,cosa fanno anche quelli del movimento 5S,oltre qualche dichiarazione generica e fumosa come quelle che sentiamo da 20 anni?
Nulla di concreto equivalente alla proposta di legge che azzera l'attuale sistema elettorale.
La logica è contradditoria,perchè Grillo ha parlato di ridurre gli stipendi,non il numero dei politici,quindi dov'è l'impegno?
Anche questa volta abbiamo assistito all'ennesima farsa,tranne per un particolare il senso comune è ancora legge condivisa nel mondo,le leggi e le regole sono eguali in Europa.la differenza è che in Italia la tolleranza diventa cecità se davanti agli occhi ci sono i soldi,negli altri paesi Europei il giochetto non funziona perchè nesssuno è così povero di soldi e di mente,per questo motivo Berlusconi  vuole diventare sempre più ricco mentre gli altri italiani diventano sempre più poveri.
Se lui fa questo gioco sul piano personale gli avversari di prima,il PD vogliono arricchirsi come organizzazione impoverendo il paese per lo stesso motivo controllarci politicamente con falsità,come fanno ora sottaciendo il fatto che non vogliono diminuire le tasse,anzi le aumentano senza dirlo come se tutto fosse normale o di larghe intese.
Il terzo è Grillo che sbraita,ma non propone nessun obiettivo di sviluppo per il paese,molta vanagloria per ora.
Il sorgere di una formazione politica di carattere democratico ,per principi e regole è solo una utopia per ora in Italia.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.