Il Presidente fantasma.

Bo. 21.4,13



Il Presidente fantasma.

La farsa dell'elezione del Presidente della Repubblica,sottolineo Res Pubblica,si è conclusa.
La sostanza di questa scelta che ha unificato le formazioni ideologiche,più sgangherate,prive di una direzione strategica e di una leadership di carattere Europeo ed Internazionale.
Le formazioni ideologiche,Cattolica,ex Comunista ed ex Democristiana,come la Liberista,sono nello sbando totale,incapaci di fare scelte coerenti con le prospettive del futuro per il paese;che loro stesse hanno ridotto in una condizione di grave crisi ,oltre la normalità.
Nella storia,sia economica che politica, le crisi sono una conseguenza delle inadeguatezze,temporanee o di fondo.
Oggi in Italia si misurano facilmente tre caratteri della crisi economica:la temporanea,come i rifiuti urbani che non trovano soluzione adeguata.
La crisi di fondo che riguarda i nuovi processi produttivi,la loro collocazione e l'innovazione distribuita sul territorio italiano.
Alle caratteristiche normali della crisi,in Italia,si affianca una crisi ben più grave quella delle Istituzioni e del Sistema politico,corrotto nei principi come nelle regole o leggi.
I fantasmi del passato,ideologici,riconoscono solo sè stessi,vecchi e nuovi mostri si sono raccolti in un fascio solo,è il caso di definirlo proprio in questo modo.
Napolitano ,rappresenta l'unica continuità della ideologia Repubblicana,ma non della Democrazia.
Falso il consenso che gli viene attribuito,perchè coloro che sono stati inetti ed incoerenti per 20 anni non cambiano adesso.
Il Bis di Napolitano,rappresenta ed è la volontà di rimanere ostaggio di un sistema politico corrotto ed inquo,il Presidente diventa ostaggio di una situazione,coscientemente,si consegna come pedina di un gioco.
Quale miseria di interessi si è visto,sia nel PdL,sia nel PD.
Penso che ora spetti al paese trarre le conseguenze di questa scelta di incoerenza naturale ed asfittica politicamente, per il Paese.
Grillo avrà molto lavoro da fare e vedremo come lavora politicamente con il suo prodotto;il movimento 5S.
Non ci sono parole di delusione sufficienti,neppure pensare che ad 85 anni un uomo si ritenga in grado di affrintare le sfide necessarie al paese,un delirio del potere oltre la razionalità e la consapevolezza,che l'età non gli consente più di avere.
In Italia non siamo stati capaci di una razionalità che compattasse la comunità italiana nel suo insieme,anche se le personalità esistono,i varo gruppi ideologici che imperversano,PD,PdL,Lista civica,Lega,sono la malattia diffusa dell'egocentrismo politico,non della Democrazia.
L'egocentrismo politico che rifiuta il confronto della realtà,oltre Grillo ed il movimento 5S,ma rifiuta la realtà nella sua essenza dualistica,La Repubblica può esistere, se e solo se esiste la Democrazia diretta;avendo tolto la democrazia diretta con il porcellum ora l'Italia sta andando verso lo sfascio,sulla base che le istituzioni Repubblicane, sono diventate false,perchè di proprietà di alcuni gruppi.
La differenza falsa tra destra e sinistra,non ha più senso,esiste la differenza tra Democratici ed autoritari e lassisti contemporaneamente,ma incapaci di fare la Democrazia.
La deficienza culturale della maggior parte dei giornalisti è uno degli ostacoli maggiori alla crescita politica e culturale di una coscienza politica e civile ,democratica e corretta.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.