ELEZIONI COMUNALI:L'IMBROGLIO ALLA DEMOCRAZIA.


In vendita presso Ubik  Bologna al prezzo di Euro 3.
Bo.  20. 6. 16

ELEZIONI COMUNALI: L'IMBROGLIO ALLA DEMOCRAZIA.

In Italia si sono presentate almeno 15 formazioni politiche e Liste civiche, ma nessuna di esse ha criticato il metodo dispersivo delle forze politiche e delle spese elettorali.
Dire che in Italia le formazioni sono campanilistiche di città o paese significa dire che non esistono principi e regole che unificano il Paese sotto le stesse Leggi eguali per tutti.
Esiste in forma diretta una disintegrazione della società italiana, sotto l'egida del clero o clericalismo politico che ha fagocitato tutte le tre forze politiche attuali, da F.I. a M5S ed il P.D., ovvero i laici per principio.
Il problema maggiore è la cultura italiana confinata dalle ideologie, false e pregiudiziali per principio e metodo come L'ex P.C.I. e la falsità ideale del clero applicata nella società, anche gerarchica, con il principio che è sempre l'uomo che domina sulla natura e società, equivalente alla gerarchia Bianca o " duce bianco" moltiplicato  molte volte.
La perdita della razionalità nel paese inizia con la mancata formulazione corretta di Principi e Leggi della Democrazia come superiori ad ogni interesse particolare.
Le Leggi della Democrazia non hanno eccezioni, ma limiti, questa è la differenza tra la Democrazia e l'ignorante Gerarchia fondata solo sull'autorità del passato , e non del presente.
Come camminare  all'indietro e guardare il mondo che passa di fronte a noi, non capiremo mai nulla della natura e delle sue Leggi.
La gerarchia clericale ha fagocitato e plagiato la maggioranza della popolazione italiana fino ad ora, ma le menzogne idealiste non risolvono i problemi  come le false formazioni politiche che etichette democratiche nelle parole.
La riforma illegittima proposta da Renzi, equivale ad un colpo di Stato contro la Democrazia, mentre l'Italia necessita di una unità del paese diretta e collaborativa tra dirigenti e diretti che solo il principio della Delega inviolabile e limitata può fornire.
Il Delegato che sia di una qualsiasi classe sociale, ha un solo compito servire il paese e la democrazia, oltre la quale vi sono solo le dimissioni, non come ora.
I mutamenti sono necessari perchè lo sviluppo della società li richiede, anche se il clero è contro perchè incosciente ed avido quanto incapace di dirigere la società tecnico scientifica.
L'assurdo italiano che l'arroganza della religione cristiana, che ha come elemento centrale il tradimento ed il perdono come ciclo artificiale della società si è diffuso in quasi tutti gli aspetti del sociale e la laicità è svanita offuscata dalle ideologie false per principio di nascita nei loro metodi.
L'Italia è plagiata e condizionata in modo artificioso con informazioni ridotte e deformate in modo da ottenere come risultato degli ascoltatori dediti al pietismo irrazionale, quando vi sono oltre 4 miliardi di poveri e migliaia di persone che muoiono ogni giorno per fame, si dimenticano tutti di loro per occuparsi solo di offrire pietà a chi fugge, oltre 500 milioni, con questo taso di crescita della crisi.
Risulta grave che l'Italia non si confronti mai con i Paesi amici per definire un metodo democratico efficiente ed eguale per tutti nei suoi Principi e Leggi e nelle sue proporzionalità, il clero italiano rifiuta pregiudizialmente ogni confronto mentendo spudoratamente sui criteri irrazionali della nostra Costituzione  italiana redatta da clericali dell'epoca fascista, ed approvata da comunisti e socialisti.
Il mutamento è necessario per la sopravvivenza del Paese Italia, con la sua storia, più antica del cristianesimo importato dal medio-oriente più povero, ma vendicativo culturalmente.... con il suo cristianesimo....metodicamente negativo con il principio pregiudiziale della colpevolezza,secondo un pensiero laico ed agnostico,ma rispettoso delle Leggi della Natura, come non lo sono i cristiani.
Xma Legio Democratica.



Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.