RIFORME COSTITUZIONALI PER DECRETO.

Bo. 2. 10. 15
Amazon  Kindle  prezzo  E. 1,99

RIFORME COSTITUZIONALI PER DECRETO.


L'ASSURDITA' DELLA SITUAZIONE ITALIANA: fare le riforme d'urgenza per decreto senza consultazioni della cultura economica e sociale italiana.
Il Parlamento attuale è la sede del pregiudizio di casta, con privilegi ed impunità, incoerenti nel loro modo di agire ed origine di ogni corruzione.
Come possono costoro fare una riforma democratica alla cui base vi deve essere la razionalità del lavoro, M5S compreso:
Se dovessi usare una metafora potrei paragonare Renzi a Mister Hide, che rottama, distrugge, non i politicanti ideologi,ma la Democrazia con l'abrogazione del Senato.
Ad un Parlamento doppiato nelle funzioni: ( Camera = Senato) e reso inagibile si arriva alla chiusura della Democrazia per Colpo di Stato per Decreto d'urgenza:
Chi propone emendamenti è complice e servile del clericalismo,che vestiti di abiti altrui maschera la Democrazia rendendola impossibile con la doppia funzione ed ora come organismo necessita di cambiamento: che vuol dire fare un solo organo gerarchico accentrato, la Camera che unisce i poteri esecutivo e Legislativo.
Grillo in questo frangente mostra quello che è professionalmente, un buffone in politica fa spesso delle pagliacciate, come la sua opposizione di facciata e per emendamenti.
Pare che dietro il rottamatore ed il buffone vi sia il lato oscuro, Berlusconi, che però brilla di luccicanti soldini e giochini e regali di politici, che sembra lo vogliano tradire.
La politica italiana ha un protettore e giudice assoluto:il Papa, che come in Argentina si volta dall'altra parte quando le cose non vanno bene:
Pare che Renzi sia scelto a sua immagine politica, ed il suo opposto Grillo, che gli fa il verso e la pernacchia con le battute e le urla recitate.
La farsa ha del grottesco, quando si fa credere in una ripresa sapendo che l'EXPO ha richiamato almeno dieci milioni di visitatori e turisti per sei mesi.
In Italia si aggira un fantasma, la Democrazia, di cui nessuno deve parlare, perchè le regole le fa il Papa e la politica il suo "prediletto".
Da 70 anni funziona così e la finta opposizione del passato, fatta dai comunisti era solo panacea per i mali italiani, che è uno solo: il potere assoluto economico e culturale della Chiesa di Stato che sognava da oltre  1000 anni di impadronirsi dell'Italia, come cultura Mediorientale,sconfitta dalla scienza e dalla tecnica.
Il Cristianesimo è cultura del medio oriente, manipolazione mentale duttile che si adatta a cambiamenti per contrastarli nei modi più spregiudicati e senza regole che non sia la forza, come nel passato.
Ancora oggi l'Italia e l'Europa sono prigioniere dei pregiudizi culturali del cristianesimo, come dogma antiscientifico  ed anti-tecnica, per eccellenza avversario di ogni sviluppo sociale che non sia controllato dal potere religioso pregiudiziale e perverso nella sua organizzazione.

Ora e sempre.. X ma-  Legio  Italiana  Democratica d'Europa

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.