Razionalità e conflitto elettorale per l'Europa.



Bo. 21.5.14

Razionalità e conflitto elettorale per l'Europa.

Il conflitto per le elezioni Europee, che vede contrapposti Renzi e Grillo, ha ancora un supervisore assoluto a due facce, Berlusconi ed i moderati clericali, burattinaio e finanziatori.                          
L'orchestrina intona una musichetta di sottofondo, Europa o non Europa, che i due protagonisti sviluppano faticosamente senza idee e proposte adeguate.                                                               
In Europa possiamo vedere vi sono diverse interpretazioni della Democrazia e diversi modi di applicarla, nessuno dei quali offre garanzie di universalità, come Leggi eguali per tutti, e la cosa è risaputa da coloro che sono ancora affascinati dal potere assoluto o quasi, anche se sembra impossibile nella complessità dei problemi.                                                                                     
Sicuramente neppure un genio  eccezionale riuscirebbe a dominare la realtà in modo assoluto e ancora di meno una organizzazione, risulta quindi effimero e falso, il concetto di potere assoluto incentrato su di una persona, solo il pregiudizio e la falsità sono alla base di questa idea.
In linea di principio questa idea esiste ed in linea di principio rimane come necessaria ma non sufficiente, quindi essa rimane come la specie umana senza il pianeta, una idea di per sé assurda, falsa ed incoerente, che permette nella realtà di fare una cosa sola ed tutto il contrario .                                
Se il principio è falso; allora è possibile costruire infinite falsità, sulla base dell'idea che comanda una persona sola, cosa assai diversa dall'azione di una  persona sola, perché l'azione riguarda solo quella persona, il comando riguarda tutti.                                                                                             
Renzi, come Grillo, vogliono comandare ognuno da solo, o con i propri fedeli, che tali non sono.
L'unica cosa che entrambi propongono sono le elemosine, uno elargendole con i soldi pubblici, l'altro donandole con i soldi pubblici, come sottoscrizione ed auto diminuzione degli stipendi da parlamentare, senza Leggi adeguate, come contro la Corruzione, non si fanno Leggi ma Commissioni.                                                                                                                                  
Per fare le Leggi al di sopra di tutti ci vogliono i Principi, reali, dimostrati validi, fondati sulla realtà dell'esperienza tecnica e scientifica, sulla realtà dell'esperienza sociale della Democrazia.
I nostri attori della scena politica, sono degli incolti, anche stupidi per mancanza di principi razionali, ma portatori del principio assoluto " comando io", il quale si dimostra essere falso e lesivo degli altri, anche e sopratutto dei propri collaboratori, perchè implica che alla menzogna segue la truffa legittimata dall'autorità assoluta.                                                                             
Esempio: le donazioni che ogni giorno vengono richieste, per tutti, sappiamo che solo una minima parte finisce nella proposta dichiarata, oserei dire tra il 20 ed il 25 %, il rimanente 75 % viene trattenuto dalla organizzazione promotrice e chi la dirige, lo scandalo di cantanti famosi, lo dimostrò 20 anni fa.                                                                                                                          
Costoro, sono ancora attori non protagonisti della politica, Renzi e Grillo, ed il loro maestro  "sputafuoco" ovvero Berlusconi, quindi compaiono i santi moderati o clericali, ai quali interessa, con spirito poco moderato, mantenere sotto il loro controllo i monopoli di Stato, che sono ancora tanti.                                                                                                                                                   
Tutto questo per un solo motivo, non hanno ancora trovato persone di fiducia come Berlusconi, il monopolista televisivo.                                                                                                                       
Per i clericali, importante è mantenere vivo il criterio falso ed assurdo del potere assoluto, come idea e metodo per fare tutto ed il contrario di tutto in uno spazio limitato, o in una organizzazione limitata.                                                                                                                                               
Delegittimare costoro, come falsi impostori della Democrazia è la condizione necessaria ma non sufficiente, per la quale diventa indispensabile definire i Principi Universali della democrazia come leggi eguali per tutti ed al di sopra di tutti .                                                                                             
Delegittimare significa non votare o annullare la scheda, rifiutando il voto prima, perché le attuali forze politiche sono antidemocratiche come lo è il sistema elettorale in Italia.                               
La dimostrazione di rifiuto della illegalità nella quale ci hanno condotto gli attuali dirigenti, Berlusconi, Dalema, Fini, Casini, Bersani ed altri deve essere risanata emarginando una cultura clericale fondata sul concetto di assolutismo dei monopoli, riducendo una economia di libero mercato ad una gerarchizzazione assoluta di controllo, che ha fermato lo sviluppo in Italia,facendo diventare la corruzione il metodo con il quale perpetuare il controllo monopolistico di diversi settori della società  e della vita politica.
Idealismi ed ideologie si incontrano nel principio falso ed assurdo del concetto di potere assoluto o monopolio di Stato per mezzo del quale controllare con la violenza "tacita" e tollerante; le prevaricazioni, le negazioni, le discriminazioni verso coloro che non la pensano nello stesso modo.
Il potere assoluto come mancanza di intelligenza basata sul lavoro, da parte di chi vuole vivere senza lavorare = pensare, perché sono la medesima cosa, diversa dall'imparare a memoria delle formule e ripeterle senza senso per tutta la vita con la pretesa che siano vere sempre e comunque.
Delegittimare una politica assolutistica, fatta di elemosine, come di auto flagellazioni, o di auto promozioni con i soldi degli abitanti italiani è una oscenità contro la Democrazia.
Delegittimare  Berlusconi ed il suo servo, come il giullare vuole dire delegittimare il potere assolutistico, falso ed assurdo, che appare per qualche istante come la panacea di tutti imali, ma che svanisce in un lampo nell'azione opposta alla parole.
La Storia insegna, se si vuole imparare e capire...                                                                            
Ora e sempre .. X -- Legio Italica d'Europa.                                                                                       
                                                                                                                                          

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.