L'astuzia irrazionale italiana.

Bo. 1. 10.13

L'astuzia irrazionale italiana.

La concomitanza dei fatti non è un caso accidentale,anzi è un meccanismo bel collaudato a due centri.
Quando Berlusconi diventa irascibile e tracotante nelle scelte,tale da sollevare una gran confusione;come ad esempio ultimo le dimissioni dei ministri  del PdL,dal governo Letta,allora in modo quasi contemporaneo interviene Grillo con le sue urla deliranti contro Napolitano ed tutti i politici,come contro la Rai.
La concomitanza è reale inconfutabile,sono i fatti costruiti dalla nostra politica parlamentare che si svolge dentro Roma.
Grillo e Berlusconi,il duetto del palcoscenico mediatico,della televisione e dell'informazione,che attrae e fa discutere di inezie inconcludenti per il Paese.
Se volessero davvero riformare il Porcellum avrebbero in poche ore il consenso dell'intero paese,al 99 %.
Ma nessuno pare intenzionato a riscrivere la Legge elettorale a partire dai Principi Democratici;PdL,PD e movimento 5S;tutti privatistici  ed interessati a garantirsi un numero di rappresentanti le proprie organizzazioni innanzitutto.
Il concetto di stabilità politica pare essere il nodo fondamentale,ma esso è solo un punto di passaggio mentre la crisi economica peggiora ed il Governo Italiano non compie il suo dovere,demagogicamente posticipa i problemi urgenti come il taglio dei privilegi iniqui,primo tra i quali il numero esorbitante dei politici sovrapagati.
Il governo Letta è preso tra due fuochi,ed è il governo dei cattolici in primo luogo,il cui ruolo è di stabilità ovvero di mantenere uno status quo del sistema politico e per farlo sembra indispensabile il caos,per deviare l'attenzione dei cittadini dalle contraddizioni,e delle inadempienze di tutti i politici.
Berlusconi e Grillo hanno quindi una doppia funzione concomitante,creare caos per rendere incapace l'azione del governo,come formazioni conservatrici dei privilegi e dall'altra apparire come i contestatori dell'immobilismo governativo.
La cosa peggiore è che essi agiscono pensando che l'unica realtà più importante sia all'interno del paese Italia,non nel sistema Europeo come insieme di Stati Democratici,quindi riducendo la visuale dei problemi mondiali ad un problema casalingo o Comunale.
Terminata l'astuzia  rimane l'irrazionalità stupida che peggiora la situazione per tutti,dentro la quale diventa un problema definirsi Italiani se non siamo rappresentati direttamente sulla base di principio della Libertà di scelta dei deputati da parte dei cittadini/e.
Grillo diventa il contro altare di Berlusconi,quando interviene per disfare le regole civili del paese,come le sue dimissioni perchè colpevole di corruzione e corrotto,ecco che Grillo inscena una pagliacciata urlante contro la Rai ed il governo,in sintonia con Berlusconi,ma diverso solo nei modi ed obiettivi.
Penso che Grillo abbia con astuzia fatto credere agli Italiani/e di essere il fondatore di un Movimento 5S che voleva ,diminuendo le spese del sistema politico con l'autoriduzione,come gli autonomi del 1977 in Italia,risollevare le sorti dell'economia in Italia.
L'autoriduzione come criterio è una pagliacciata politica e Grillo è un pagliaccio,perchè vuole risolvere il problema disoccupazione e della crisi, iniziando dalla fine con un palliativo,quindi anche ridicolo e falso.
L'astuzia delle urla confusionarie è riuscita una volta,se gli altri non sono stupidi è ora che Grillo torni a fare il comico e Berlusconi fuori dalla politica,per etica nazionale.
Ora e sempre .- X . Legio - Italica

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.