Letta e Grillo: la politica assoluta.

Bo. 9.9.13



Letta e Grillo : la Politica assoluta.

La Politica assoluta è gerarchica,siccome non è il Re ad avere il potere assoluto,bensi la Forza Politica che vince le elezioni come confronto tra poteri forti ed irrazionali il più delle volte.
La gerarchia politica è tale perchè nessuno la elegge direttamente,ma è il capo Politico supremo o assoluo che dà l'incarico ai suoi sottoposti.
Se con Berlusconi la base del suo potere era chiaro e pericoloso per la Politica, come razionalità collettiva della società italiana,ora con Letta e Grillo diventa altrettanto pericolosa in modo diverso.
La politica,da azione razionale e limitata, diventa dottrina del capo ,indiscutibile perchè la questione prima che politica diventa personale di obbedienza del sottoposto.
Quindi nel PD diventa impensabile una spaccatura politica,adesso che stà vincendo rispetto alle altre forze politiche,ma non vince le difficoltà per il paese le sta aggravando.
Grillo pretende che facciano i deputati per 2500 euro al mese,che per una casalinga trasformata,senza meriti,in deputata diventa comodo,ma chi professionalmente lavora da professionista è una stupidaggine.
Equivalente a dire che il Web produce degli sciocchi,senza cultura politica,se hanno creduto a GRillo e Casalegno guru della savana tropicale futurista stupido e finto apocalittico.
Letta con Epifani,il generale della politica,controlla un PD,in nome di Bersani e Dalema,che controllano le due fondazioni più ricche di patrimoni del ex PCI.
Epifani ha il ruolo di controllo della stabilità dell'attuale situazione,vincente per il PD,sul piano dell'immagine politica,perdente per il Paese Italia.
La stabilità di Letta è la calma piatta,l'abitudine dei moderati,come Letta, ad ignorare i cambiamenti di situazioni,con un pregiudizio fondamentale: la Politica come essenza superiore degli interessi ,ma non si dice di chi,se del Paese o delle rendite di posizione.
Berlusconi conosce bene le abitudini dei moderati italiani,diversi da quelli Europei,coerenti nel difendere il bene della loro società senza prevaricare le Leggi: gli italiani moderati hanno il vizio di considerare le Leggi come un mezzo a loro disposizione , ma solo limitatamente.dopo i grandi monopolisti.
Berlusconi è gia stato condannato in Europa,ma sà che in Italia,le grandi gerarchie religiose e con esse i moderati clericali sono in gran parte in vendita,la specie umana per principio ha il potere assoluto sulla natura ,qualunque essa sia: perchè la può distruggere completamente con 100.000 bombe atomiche.
In linea di principio è vero,nella realtà è falso,solo che costoro sono davvero rincretiniti nelle loro convinzioni idealistiche come ideologiche.
La stabilità come posizione  che mantiene lo stato delle cose invariato,nelle strategie politiche è la più grande stupidità che si possa affermare,e Grillo ,non dice nulla ,anzi peggiora,vuole le elezioni anticipate con il porcellum.
L'idiozia trionfa in Italia,come Berlusconi che : colpevole di truffa non riconosce il valore etico,quindi la sua gravità per averlo fatto come primo ministro,affermando che tutto è lecito quando si arriva al potere: Caligola in versione moderna ed industrializzata,perverso e deficitario di razionalità.
Berlusconi deve essere allontanato dalla Politica,perchè non la riconosce,non ha imparato cosa sia la politica, dopo 20 anni,è senza speranza,culturalmente e razionalmente sembra non accettare la realtà,diversa dalla sua personale visione manichea e ridotta,come una politica,non come nella realtà che è stata una strategia commerciale,o tecnica commerciale,ammaliatrice ed affascinante,ma senza nessuna razionalità politica.
Grillo e Letta sono su di un binario parallelo,dove alle parole non si accompagna mai la definizione dei criteri e delle cifre.
Quindi neppure la loro è politica ma solo la stabilità commerciale che stà portando l'Italia sull'orlo della rovina se non vi è un cambiamento di rotta.
Ora e sempre. - X Legio_ Democratica.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.