Italia : monopolio di Berlusconi e aggregati.

Bo. 29.9.13

Italia : monopolio di Berlusconi e aggregati.

Da venti anni in Italia si assiste allo scempio delle istituzioni pubbliche ad opera di Berlusconi,che vuole privatizzare per assurdo l'intera società,se potesse.
Il suo limite culturale,ma anche economico,è quello di pensare che senza di lui l'Italia non si sviluppa,e quando non ci riesce lui,la responsabilità è degli altri quindi si sente autorizzato a fare del disfattismo delle istituzioni.
Il principio è sempre quello tribale,perchè a scuola non hanno insegnato a Berlusconi che esiste la scienza,che dimostra come le Leggi di Natura sono superiori a tutti e regolano la vita di tutte le persone.
La legge della natura é eguale per tutti.
Semplice se vogliamo sopravvivere nel maggior numero possibile sul pianeta.
Berlusconi vuole fare l'elemosina a tutti i costi verso la popolazione italiana,tagliando l'IMU e l'IVA,ma vuole mantenere il sistema gonfiato e burocratico della Politica con spese inique e pregiudiziali,vuole la moglie ubriaca e la botte piena.
Letta invece di metterlo di fronte alle sue responsabilità,lo asseconda per criticarlo e fare dei compromessi illusori,Letta mente a sè stesso  per le sue ambizioni personali,ma non affronta mai con coraggio e lucida razionalità, la responsabilità della riforma elettorale.
Il PD è incapace di intendere e volere con razionalità;offuscato dagli interessi di profitti di organizzazione in luogo pubblico o nelle funzioni di esercizio per la collettività.
Per il PD la popolazione  è ancora uno strumento delle ideologie,sia cattolica che comunista,non è ancora una organizzazione democratica,lo vorrebbe essere ma ciò non è possibile se i criteri di direzione del paese non sono affidati ad un referendum della popolazione,una volta per sempre.
I Principi Democratici sono equivalenti ai principi scientifici,la proporzionalità diretta,il dualismo e la transitorietà.
L'Ignoranza delle classi dirigenti politiche è pregiudiziale,limitata e contradditoria;dove Grillo con le sue urla le rappresenta con istinto animalesco e primordiale,senza razionalità e Leggi,ma con l'idea,identica a quella di Bossi, che se ci manda il suo movimento 5S si spende di meno a rubare agli Italiani.
Grillo è un buffone che per mangiare imbroglia senza alcuna etica o morale,perchè non sà cosa sia il lavoro,questo è appunto il ruolo del buffone che se razionale prende le difese della Legge,se irrazionale come Grillo, prende le difese di Berlusconi indirettamente.
L'Italia è quindi incoerente nella realtà espressa dai suoi dirigenti politici;nessuno dei quali ha otttenuto la maggioranza per governare il Paese,come il giornale la Repubblica nella sua critica a Berlusconi rimane sempre un giornale antidemocratico per principio,anche se vuole apparire pluralista.
Così tutti i giornalisti italiani ,pilastri dell'informazione non sanno distinguere un principio democratico da quello repubblicano,che è ciò che segna la differenza tra modernità e passato.
L'Italia del compromesso è l'Italia del moderatismo clericale sempre soggetto al criterio della morale religiosa confessionale,per la quale si può e si deve sbagliare per essere perdonati,pagando il perdono alla Chiesa che accoglie ogni errore come se fosse già compreso nel passato,come l'inquinamento.
La stupidità delle regole senza le leggi scientifiche diventa palese ed ovvio nel comportamento incoerente e vessatorio di Berlusconi che si crede come l'ultimo Imperatore Romano ,con diritto di veto,assurdo ma vero perchè sostenuto dalla chiesa,che tace.
Ora e sempre. - X Legio - Italica.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.