Risultato politico amministrativo:la crisi Italiana.

BO. 29.5.13



Risultato politico amministrativo  : la crisi Italiana.

Anche se gli attuali dirigenti politici non lo vogliono considerare come un dato oggettivo,le amministrative segnano una sconfitta della Politica come progetto di sviluppo.
Nessuno escluso ha affrontato i problemi per risollevare i comuni da una crisi grave e strutturale dell'economia.
Il più penalizzato è stato Grillo per la sua incoerenza,stupida ed offensiva,in quanto non riconosce la crisi oggettiva,ma solo una parte il malaffare del sistema politico con i decreti legge.
Grillo agisce personalmente,ma non considera le leggi uguali per tutti,le leggi pensa di farle lui,la sua è una forma di megalomania simile a quella di Berlusconi,malattia comune in Italia,culturalmente endemica.
I partiti istituzionali PD e PdL,neppure loro hanno compreso la sconfitta,perchè come si sà conta chi vota per governare e siccome si deve governare non per il bene del paese,ma per spartirsi le ricchezze non ha alcuna importanza la crisi economica.
Assurdo ma vero,in Italia non si ragiona sulla realtà,ma sulle ideologie della realtà.
Due cose differenti,la realtà e l'ideologia,in quanto ideologia è limitata ad un'aspetto e dissociata dal contesto reale.
Il meccanismo perverso del sistema politico ,che non è democratico,ma Repubblicano sulla base del principio tribale che fa le leggi chi vince e vince il più forte.
Siccome si è dimostrato con le elezioni che questo modo di ragionare è antiquato,perchè ignora la scienza e la Democrazia ora si procede per tentativi assurdi.
Se Grillo non si assume le sue responsabilità politiche allora siamo alle strette,quando per responsabilità si intende proporre leggi adatte per la loro correttezza e fatte in modo esplicito e chiaro ad affrontare la crisi del malaffare del sistema politico come sistema di decreti truffa a danno pel popolo italiano.
La popolazione si è resa consapevole per il lavoro corretto di diversi giornalisti professionalmente competenti nel lavoro; che l'Italia è rimasta arretrata sulla base di criteri pregiudiziali,come lo fu il "razzismo".il pregiudizio Italiano riguarda le leggi,che di fatto vengono scritte dalle persone,uomini o donne,ma di fatto rappresentano le leggi della natura,quindi oggettive,anche se solo in parte,ma quella parte è oggettiva ed inequivocabile il modo in cui deve essere scritta.
Il concetto di leggi repubblicane ha come base un principio fondamentale :le leggi sono scritte,a difesa e per l'interesse delle persone,quindi composte da variabili che antepongono il valore dei possedimenti o della ricchezza.
Per dirigere una società tribale,anche se complessa questa era una regola straordinaria,per dirigere lo sviluppo delle società da tribali e locali a nazionali e globali queste regole sono diventate contradditorie ed incoerenti.
L'Italia per definire un nuovo criterio di sviluppo economico deve prima adeguarsi nei principi politici della Costituzione,secondo criteri democratici,la proporzionalità corretta e diretta,che il porcellum ha cancellato,ma non nella sua sproporzionalità.
L'Italia è oggi considerata un paese dei bagordi e truffatori,inaffidabile fare investiemnti in questo paese,date le attuali regole di depenalizzazione e stralcio delle truffe di bilancio,quindi diventa attrattiva solo per gli speculatori con denaro falso o virtuale.
Penso che Pd e PdL,debbano rivedere in fretta i criteri delle loro azioni politiche e definire un terreno identico di valori,interno ed esterno alle organizzazioni della politica che devono essere in modo inequivocabile no profit,altrimenti vincono i personalismi sterili ed inutili a tutti tranne che nel talk-show.
I cittadini/e stanno perdendo la fiducia,prima in Grillo ed il movimento 5S che non propone alcuna riforma elettorale seria e necessaria,come fatto imprescindibile e condizione indispensabile per la ripresa economica del paese.
Tra poco tempo sarà la sfiducia verso tutti se non unificano la comunità italiana pulendola da metodi di direzione politca falsi e strumentali verso i cittadini/e.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.