L'UNITA' degli Italiani/e.

Bologna 25.3.13



L'UNITA' degli Italiani/e.

A questo punto della crisi ci si pone il dubbio,che chi vuole continuare nella falsa "normalità" del Governo; voglia continuare a perpetrare contro la popolazione Italiana gli abusi e le malversazioni pregiudiziali,per le quali oggi esistono e sono gravi le difficoltà del paese,nei confronti dei paesi amici Europei .
Quegli abusi e malversazioni che Monti neppure si degnato di menzionare in modo chiaro,privilegiando l'IMU,...allora se è questo il moderatismo? Sappiamo che è anche inettitudine verso il paese Italia.
Passiamo al conservatorismo che ha due Facce:
la faccia conservatrice di Bersani che dice: il governo normale ci vuole a tutti i costi.con dei cambiamenti su alcuni punti,non chiari,ma in accordo con le richieste del movimento 5S,e facciamo la legislatura,per 5 anni,come se nulla fosse accaduto di straordinario rispetto al passato.
La seconda faccia del conservatorismo,quella di Berlusconi,rivela i taciti accordi sottintesi per 20 anni,salvaguardando il principio della destra ideologica,che con qualche soldo si compra la maggioranza degli Italiani,e di sicuro quella di diversi parlamentari.
Questa volta il gioco non è riuscito a Berlusconi,per cui dice: dopo 20 anni di scambi con il polo di centrosinistra ideologico,dopo Monti,possiamo metterci insieme esplicitamente: PD e PdL per fare il governo,perchè questa è la maggioranza naturale.
L'errore di Bersani è quello di voler rimanere solo al comando senza interpellare la sua base politica ed intelletuale;ma forse il problema è che, tranne Cacciari e pochissimi altri, nessuno ha ancora capito cosa significa Democrazia,nei principi fondamentali e nelle leggi operative dei deputati.
Neppure Grillo che parla di riduzione dei costi per buona volontà si appella alle leggi universali della Democrazia,che in USA,Francia,Germania,Inghilterra ed altri come Svezia ed ancora sono il pane quotidiano.
Che la Religione Cattolica e di qualsiasi altro orientamento,non ponga osservazioni corrette come Stato,questa volta la Ragion di Stato democratico;equivalente alla razionalità misurata deve prevalere come etica dello stato,non il moralismo dietro il quale si sovrappone la regola pratica e strumentale del perdono.
 Chi dirige il paese non ha alcun diritto -dovere di confessarsi,come minimo si deve astenere per 5 anni.in quanto la pratica è lesiva del libero arbitrio razionale ,privo di condizionamenti sovraculturali,in quanto deve attenersi alla realtà dei fatti ed alla coscienza etica di rappresentare in primo luogo la popolazione Italiana nella sua formazione di base, i nuclei familiari,come formazione naturale in primo luogo;valida in tutto il pianeta.
Se la Lega ha avuto il coraggio di fefinire la legge elettorale per quello che è il "Porcellum" allora perchè non vi è chiara e semplice la volonta di cambiarla secondo i principi di proporzionalità diretta che prima c'erano,ma togliendo il numero spropositato degli eletti,che dopo aver fatto le regioni doveva essere ridotto.
Il deputato ha il dovere di presentarsi agli elettori con un programma minimo indicando i semplici obiettivi per i quali lavorerà,visibile a tutti,cioè pubblico,che si affianca al programma più generale della coalizione.
Fare una legge elettorale che riduca il numero dei deputati significa definire il criterio di base al quale attenersi;il criterio è quello scientifico-tecnico,base della materia ,con le dovute proporzionalità 1 a 1836.
Più semplice di così,facile da imparare,semplice per i calcoli.
L'unità della popolazione Italiana esiste solo se non si nega il fatto che : ad una condizione minima di libertà uguale per tutti possa esistere una condizione massima di libertà,equivalente alla ricchezza limitata pari al possesso del 32 % di un settore economico;opposto al concetto di monopolio economico,anche di Stato, per quanto riguarda i beni non essenziali,invece per la salute,scuola,acqua,nei quali è consentito un intervento massimo dello stato ma non monopolistico,esente da condizionamenti culturali di qualsiasi orientamento religioso.
Sappiamo in tal modo le regole semplici nelle quali riconoscersi,sappiamo di essere comunità libera ed indipendente,come sappiamo di essere legati indissolubilmente alla vita Europea,per la nostra Storia e per le leggi universali  della Democrazia,che in Italia sono state sporcate dalle ideologie strumentali,possiamo fare pulizia solo sulla base dei principi di libertà e democrazia uguali per tutti che sono la matrice più antica della storia della Civiltà Europea.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 41- 42 e 43 della Costituzione.