Stato e Democrazia.

bologna 29.11.12

Stato e Democrazia.

Affinchè esista lo Stato,come organizzazione civile,devono esistere delle regole al di sopra di tutti,in modo chiaro ed inequivocabile.
Non sono sufficienti  le formulazioni di principio,se privati delle regole coerenti con l'esperienza diventano uno paravento dietro il quale si maschera l'incoerenza.
Se il principio è che la Repubblica Democratica è fondata sul lavoro,allora le regole del lavoro sono fondamentali per il rispetto del principio.
La prima regola del lavoro è che se non lo esegui sei licenziato,così deve essere per il Deputato,anche nel caso che voglia cambiare partito in corso d'opera.
 Prima Regola al di sopra di tutti.
2 Regola: Non sono ammessi persone con reati gravi precedenti e processi in corso.
 3 Regola:Lo stipendio del deputato è fissato mensilmente,senza alcuna diaria,ma solo con rimborsi.
 4 Regola: I Deputati eletti sono tenuti ad esprimere un progetto. Pubblicamente esposto.
5 Regola : Esiste il diritto di licenziamento dei dipendenti pubblici per giusta causa;come danno alla comunità,così è per i Deputati incoerenti.
6 Regola: La coerenza tra ruoli e professionalità deve essere perseguita con il minimo di variazione.
7 Regola . La proporzionalità del Parlamento è espressa in base alla proporzione naturale,con base  di 1 a 1837. Equivalente a 380 Deputati e 190 Senatori.

La legga di proporzionalità numerica coerente con la natura rappresentativa della scienza è la base della rappresentatività democratica.
Lo Stato Democratico è così fissato sulla base di leggi costituzionali rappresentative,non per logiche di interessi particolari,ma oggettivamente scientifiche,quindi incontestabili.
La funzione e lo scopo di tali leggi è la corretta amministrazione per lo sviluppo della comunità italiana vincolata all'etica del lavoro scientificamente svolto.

Post popolari in questo blog

Gli Art. 35, 36, 37, 38 della Costituzione.

Gli Art. 29- 30 - 31 della Costituzione.

Gli Art. 76, 77 e 78 della Costituzione.